GIUSTIZIA INSIEME

ISBN 978-88-548-2217-7 ISSN 2036-5993-Registrazione: 18/09/2009 n.313 presso il Tribunale di Roma

    Tutta un’altra storia

    Recensione di Dino Petralia

    Si può decidere di scrivere per inseguire un sogno, per lanciare una protesta, un’accusa sociale, oppure per consacrare una confessione o togliersi uno scrupolo. Ma si può scrivere anche per omaggio, confezionando una storia dedicata, un dono al sentimento di riconoscenza. Ed è il caso di “Tutta un’altra storia”, racconto di verità intima di un figlio che ha perso il padre per mano mafiosa e che, con orgogliosa resistenza, ma senza salvifici velleitarismi, asseconda con la scrittura l’affettuosa presunzione di cambiare la tragica vicenda, ricostruendola a modo suo nel doloroso intento di riappropriarsi del genitore.

    Per la cronaca Antonino Burrafato, sottufficiale degli Agenti di Custodia - così all’epoca si chiamava l’odierna Polizia Penitenziaria - matricolista in servizio al carcere dei Cavallacci di Termini Imerese, fu assassinato il 29 giugno 1982 da quattro sicari di Cosa Nostra perché considerato “colpevole” di avere tempestivamente effettuato la notifica di un provvedimento cautelare al detenuto Leoluca Bagarella, così di fatto impedendo l’esecuzione di un permesso di necessità che il boss avrebbe dovuto fruire per recarsi in visita al genitore morente. Per la mafia una sollecitudine ritenuta insolente e offensiva, tanto da avere innescato un verdetto di morte per lo scrupoloso brigadiere. Collaborazioni interne al sodalizio consentirono successivamente di svelare fatti e movente fino al definitivo giudizio penale.

    Senza svelare nulla di un libro in bilico tra realtà e immaginazione, gradevole e commovente insieme, cadenzato in una scrittura graziosamente espressiva anche nel vezzo camilleriano di intercalare qua e là vocaboli dialettali siciliani così da radicarne efficacemente - ed orgogliosamente - la matrice isolana, può dirsi che appaiono sostanzialmente pagine dense di vita familiare, autobiografiche nel privato e nel pubblico, un libro organizzato come un girotondo intorno ad una figura amatissima e autorevolmente protettiva, quella di papà Nino, e ingegnosamente arricchito di un altro sé di famiglia, che il narratore fa debuttare come suo gemello, Nicola. Sfrontato ed estroso, attraente nei suoi slanci e trascinante, un fratello inventato in cui specchiarsi e interrogarsi, la sparizione del quale, ad un tratto della storia, acuisce la curiosità di approfondirne la conoscenza attraverso i suoi appunti che lui Totò freneticamente legge ricostruendo stati d’animo e scoprendone insondate e gratificanti virtù morali e sociali.

    Una seconda figura compare poi nel solco del racconto ed è quella del Commissario Galvano, poliziotto ed investigatore verace in perfetto stile siculo, amico fedelissimo del padre, ben conscio del rischio corso da questi per l’affronto fatto in carcere al capomafia corleonese e latore in casa Burrafato della notizia che il solerte brigadiere era ormai nel mirino di Cosa Nostra. Dipinto caratterialmente crudo e di brusche maniere, l’alone del suo profilo è tuttavia quello di schietta e protettiva sincerità per l’amico Nino; è Galvano alla fine ad essere scelto dall’autore per fare da collante all’intera storia, dialogando con padre e figlio come un intimo familiare e raccontando col silenzio delle sue carte investigative, incustodite sul tavolo di casa Burrafato, la trama del delitto come fosse tutta un’altra storia, e non quella tragica dell’irreprensibile brigadiere.

    Il delicato intento di Totò è dunque quello di ricostruire con la penna i fatti come se accaduti al suo cospetto, nell’illusione che un calore corale - quello che invece è mancato sulla strada del delitto - possa essere d’ausilio al passaggio; e così, dopo avere anticipato tra le pagine sanguinanti premonizioni, finisce per coagularle tutte nel finale, dove, senza tempo o meglio in un tempo contemporaneo del prima e del dopo, compaiono tutti come personaggi e interpreti di una tragedia accanto al papà in abito scuro, in una toccante composizione scenica in cui fa da sfondo l’istituto dei Cavallacci già intestato al V. Brig. Antonino Burrafato.

    Pagine da leggere tutte d’un fiato, senza cedimenti ma con la fierezza della partecipazione, quella stessa fierezza di chi ha indossato una divisa grigio sbiadito, quasi un grigio topo con la mente e il cuore di fedele servitore dello Stato.

    User Rating: 0 / 5

    CATEGORIA DIRITTO E SOCIETÀ
    28/01/2023

    Ricordo di Umberto Romagnoli (1935 - 2022)

    Diritto e società

    Gian Guido Balandi

    Ricordo di Umberto Romagnoli (1935 - 2022) di Gian Guido Balandi Umberto Romagnoli è stato…
    21/01/2023

    Tutta un’altra storia. Recensione di Dino Petralia

    Diritto e società

    Dino Petralia

    Tutta un’altra storia Recensione di Dino Petralia Si può decidere di scrivere per inseguire un…
    14/01/2023

    ​Recensione di Giovanni Salvi a “​Padri e Padrini delle Logge…

    Diritto e società

    Giovanni Salvi

    Recensione di Giovanni Salvi a “Padri e Padrini delle Logge invisibili” di Piera Amendola  Il…
    14/01/2023

    ​Brasilia, luogo dell’anima, sogno della Democrazia

    Diritto e società

    Paolo Spaziani

    Brasilia, luogo dell’anima, sogno della Democrazia di Paolo Spaziani Aeroplano suadente, Uccello in volo, Rapace che si…
    17/12/2022

    Il “non diritto della giustizia” di Pier Paolo Pasolini

    Diritto e società

    Mariavittoria Catanzariti

    Il “non diritto della giustizia” di Pier Paolo Pasolini di Mariavittoria Catanzariti  Nelle pagine di…
    10/12/2022

    Sull’omicidio di Pasolini

    Diritto e società

    Giuseppe Salmè

     Notazioni sull’omicidio Pasolini di Giuseppe Salmè 1. Quando la mattina del 2 novembre 1975 ho sentito dalla…
    08/12/2022

    “​L’​inganno”​ prove di un populismo garantista di Giovanni Melillo

    Diritto e società

    Giovanni Melillo

    “L’inganno” prove di un populismo garantista* di Giovanni Melillo Proverò ad indicare le ragioni di…
    03/12/2022

    ​“Sentiamo un po’ cosa sanno dirmi questi malandrini”: alcune riflessioni…

    Diritto e società

    Maria Federica Moscati

    “Sentiamo un po’ cosa sanno dirmi questi malandrini”: alcune riflessioni su infanzia e adolescenza nell’opera…
    26/11/2022

    Alcune riflessioni intorno all’idea di legge nell’opera e nei processi…

    Diritto e società

    Barbara Castaldo

    Alcune riflessioni intorno all’idea di legge nell’opera e nei processi di Pier Paolo Pasolini di…
    26/11/2022

    ​Acrobati in bilico sul filo di una identità provvisoria: le…

    Diritto e società

    Cinzia Tobino e Santo Di Nuovo

    Acrobati in bilico sul filo di una identità provvisoria: le risposte del diritto e della…

    Please publish modules in offcanvas position.

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.