Nessuno deve marcire in carcere

Nessuno deve marcire in carcere

Per non spegnere i riflettori, come ci esorta a fare  Glauco Giostra con il suo articolo dal titolo Oltraggi visivi (https://www.giustiziainsieme.it/it/diritto-processo-penale/563-oltraggi-visivi), abbiamo ritenuto utile pubblicare la sentenza della V sezione penale n. 50187 /2017  in tema di continenza, valenza sociale delle parole e obiettiva lesività dell’onore di espressioni  contro l’umanità della persona.

La corte ricorda che nessuno, nemmeno chi è stato dichiarato colpevole di delitti efferati, può essere disumanizzato e assimilato a concetti ripugnanti o  cose destinate a marcire.

E’ proprio il riconoscimento dei diritti fondamentali e  irrinunciabili della persona e  il rispetto della dignità umana che qualificano la superiorità dell’ordinamento statale necessariamente fondato sulla centralità della protezione dell’individuo.

 “Deve marcire in carcere” è una frase che mai avremmo voluto sentir pronunciare da un  Ministro della Repubblica dal quale ci si aspetta il rispetto dei principi della nostra Costituzione e  dello Stato di diritto.

Nota redazionale


User Rating: 5 / 5